Alberto Mucignat

random thoughts around web stuffs (è tutto un equilibrio sopra la follia…)

Oltre il singolo designer

Scritto il a proposito di User experience - 4 Commenti

Qualche settimana fa (eh, c’ho gli arretrati) Cennydd Bowles ha scritto un post su A list apart in cui cerca di argomentare perché il processo UCD è forse inefficente per le esigenze odierne del designer (mia semplificazione, per capire bene leggersi il post).

L’amico Gianandrea Giacoma ha chiesto un parere a un po’ di amici italiani e qualcuno ha risposto privatamente, mentre Davide Casali ne ha scritto un post. Dico la mia pubblicamente, per piacere di discussione.

Leggendo tra le righe i punti che tocca Bowles, a me colpisce quanto per lui l’UCD sia un processo con alcune caratteristiche che rischiano di limitare il designer. C’è un problema di fondo in questo ragionamento: il fatto è che non possiamo pensare che il processo UCD ruoti solo attorno al designer.

Un processo di design coinvolge invece diverse figure: il designer, l’information architect, lo user researcher solo per citare quelle essenziali secondo me. Oltre a queste va aggiunto il business owner (che va considerato “parte del team di design”, sempre e in ogni caso, ma qui Bowles ha centrato il punto). Ridurre la scelta del processo alla sola figura del designer è quindi riduttivo e sbagliato.

Di più, io credo che il processo UCD sia un’assicurazione contro il self-design: si evita che un designer da solo possa influenzare il progetto a tal punto da fargli perdere la bussola, non solo in relazione agli utenti, ma anche al business, come spesso accade e come infine sottolinea Bowles.

In fondo, forse l’idea che il genius designer possa risolvere tutto non è solo un problema italiano, ma questo già lo sapevamo.

Tag:

4 commenti ↓

  • [...] I want to thank them for the interesting discussion. These are two post emerged from these emails “A Better Look at User-Centered Design“, “Oltre il singolo designer“. [...]

  • #2 Davide 07/03/2013 13:12

    Bentornato

  • #3 Alberto 12/03/2013 18:26

    Grazie, purtroppo il ritmo dei miei post risente del poco tempo libero che ancora mi rimane, ma fa piacere sapere che qualcuno ancora mi legge… ;-)

  • [...] Invece troppo spesso vedo e ricevo curriculum di web designer o frontend web developer (coloro che fanno html/css, per capirci) travestiti da esperti della user experience (magari senza aver mai fatto un test di usabilità). Da anni continuo a pensare che chi si concentra troppo sul codice perde inevitabilmente di vista gli essere umani: sono rari gli esempi di frontend developer efficaci in tal senso, il rischio è di configurarsi come genius designer, di cui ho già ampiamente parlato. [...]

Commenta il post ↓